Il nuovo coro è nato per merito di un gruppo di alpini e di amici degli alpini circa tre mesi fa. Una sera ricordo, ci trovavamo in baita per un bicchiere di vino e così parlando tra di noi ci siamo resi conto che eravamo tutti amanti delle belle canzoni alpine e del bel canto. Ci siamo allora chiesti se fosse stato possibile dare vita a un nostro coro alpino, detto fatto abbiamo, dopo qualche giorno, messo in piedi un coro al momento senza nome. Ora il coro è composto da 28 elementi suddivisi in quattro voci: tenori primi, tenori secondi, baritoni e bassi, tutti amanti del bel canto ma nessun professionista della musica. uniti 2

La direzione è stata affidata alla maestra Giulia Favari, ragazza giovane ma di notevole cultura artistica, molto preparata ed ambiziosa nel suo lavoro, figlia di un alpino e corista. Ogni martedì sera in baita, ci insegna con tanta passione e diligenza le nuove canzoni. Attualmente abbiamo un repertorio modesto, considerato che abbiamo iniziato da poco tempo, ma tanta è la volontà e la passione di imparare nuove canzoni. Noi tutti coristi, dopo questi tre mesi di duro lavoro, possiamo dire di essere soddisfatti sia dell’insegnamento che dell’apprendimento. Ora siamo orgogliosi di informare che avremo la prima esecuzione dei canti il 13 giugno prossimo in occasione dell’anniversario della ricostruzione e restauro della chiesetta Madonna del Carmine in corte Messedaglia, dopo la S. Messa.

Il Presidente Luigi Bonesoli.

Informazioni aggiuntive